mercoledì 10 dicembre 2008

"PRIMA"

Poco meno di una settimana fà ho assistito alla "prima" di mio padre. Dal punto di vista teatrale in tutti i sensi "prima"( a parte qualche recita nel periodo adolescenziale a cui si è prestato), teatrale? più una recita diciamo. Era la rappresentazione della vita di S.lucia, con tutto il rispetto per la santa patrona della mia città, due ore interminabili. La "prima" era per i parenti, non potevo astenermi, scusate, sono la figlia di Marco Leto Giudice di Roma!! Le altre due serate aperte a tutti, a tutti coloro che fossero stati disposti ad aprire il portafoglio e sborsare 10 Euro ( ripeto euri dieci). Minchia che coraggio!!Io ne avrei sborsati 20 per uscire al primo tempo. Ma non potevo, Marco Leto ha le sue battutte al secondo, di tempo. Vabbè primo tempo mi dedicherò al training autogeno ho pensato. Leto doveva condannare Lucia a morte, e credo l'abbia intuito alla fine senò non avrebbe dispensando risolini e cenni verso i nostri posti a sedere, istintivamente ho tappato le narici con le dita preso aria e trattenuto le risa fino a diventare rossa, le lacrime quelle no, quando rido di gusto mi escono sempre, è di famiglia, visto che mia sorella aveva le guance rigate quanto me nascondendosi dietro la mia spalla. Mia madre fattasi piccola piccola si nascondeva tra le sue di spalle, e con aria acida e solo riuscita a bonfonchiare: "Ragazze, vi prego, non fatemi questo, non facciamoci riconoscere, lo sapevo che non dovevo venire, io! " e piantala mamma che può accadere..maronna come la fai esagerata, al massimo gli salta la dentiera mentre condanna la santa" le rispondo "mmmmmmmmmmm f-i-n-i-s-c-i-l-a" fà lei, mia sorella ride. Finisce che Marco Leto la condanna e che gli si impasta la bocca mentre lo fà ma non salta fuori l'effetto speciale, anche perchè cazzo a quei tempi non c'erano le dentiere, bisogna essere credibili quando si impersonifica qualcuno mozzicati la lingua ma a costo di ingoiarla tieni la stretta a te, sta minchia di dentiera ,come fosse la cosa più cara al mondo...vaaaaaaaaaaaai Pà c'è la puoì fare!! Fiù asciughiamoci la fronte, pericolo scampato! Applausi, secondo me di liberazione, ma comunque applausi, tra i parenti degli attori la signora che faceva le riprese mi fà:" sei contenta ti è piaciuta la "Prima" di Papà" "La "prima" e l'ultima spero, signora bella ehehehe"  risate generali  " che simpatica, sei tutta Papà" mi fà. "Che minchia vi ridete?", avrei detto volentieri, "vi sembro una buffona? mi state prendendo poco sul serio? non era una battuta!! cazzo" ma ho morso la lingua, come mi ha insegnato Marco Leto, i denti li ho ancora io ma a volte tocca morderla uguale, perchè in fondo dietro tutta la mia ironia c'è un pò di inviadia. Invidia perchè in realtà loro hanno coraggio, le palle di mettersi in gioco, questo amo di mio padre e degli altri attori ( che in coraggio in senso lato lo uguagliavano non poco).


Vi regalo due foto, guardandole solamente non sono nocive, in due secondi l'una non c'è il rischio che vi immedesimiate nello spaccamento di coglioni che è vederli recitare ehehe li oscuro, Marco Leto é quello seduto. Per privacy oscuro i volti, questi sò tutti in pensione, incazzati col mondo, desiderosi di reinventarsi e ossessionati dal dimostrare quanto valgono con la recensione che ho fatto c'è il rischio manette per me. Tanto come se non bastasse li recensisce un settimanale locale. E vissero Felici & Contenti100_3159

Etichette:

6 Commenti:

Alle 10 dicembre 2008 13:04 , Anonymous Franchino8 ha detto...

Che bello il teatro! è divertente mettersi in gioco:):)
La prossima recita sarà ancora più spassosa:)

 
Alle 10 dicembre 2008 13:19 , Anonymous aurelianobuendia ha detto...

la toga però dona sempre.

anche se magari due ore di discorsi togati puo essere effettivamente stritolante.

crg

 
Alle 11 dicembre 2008 22:14 , Anonymous Joli ha detto...

* Franchino8: la prossima!? per carità io, tra le cose che mi auguro per il 2009, spero sia davvero la "prima" ed ultima! :)

*Aureliano: grazie per la solidarietà ehehe

 
Alle 13 dicembre 2008 15:57 , Anonymous ruggioso ha detto...

ahahah beh il bello è mettersi in gioco sempre, impariamo da chi ne ha coraggio.
Un benritrovata ..:-)

 
Alle 13 dicembre 2008 17:09 , Anonymous Joli ha detto...

* Sasha l'unico riscontro positivo è dato dal fatto che la cicoria e varie verdure, lanciate dalle postazioni a sedere, non acchiappavano a me che mi ero messa, preventivamente, in ultima fila ehehehe

* Ruggioso mettersi in gioco sempre sempre sempre, nel bene o nel male si può dire di aver vissuto!
hei, bentornato a te, ho notato che anche tu sei stato un pò in "vacanza" :)

 
Alle 16 dicembre 2008 20:05 , Anonymous HansUomoTalpa ha detto...

Io di teatro capisco poco, però ho fatto giochi di ruolo, che se ben fatti sono niente altro che un'interpretazione di noi stessi :)

Costa il teatro! Per ora mi basta l'abbonamento al cinemaaaaaaa!

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page